Ditta di Disinfestazione: I Requisiti per Aprire l’Attività

Ditta di Disinfestazione: I Requisiti per Aprire l’Attività

Aprire una Ditta di Disinfestazioni

Aprire una ditta disinfestazioni implica essere in regola sia dal punto di vista gestionale che fiscale in quanto si tratta di occuparsi di un’attività molto particolare e di interesse pubblico. D’altra parte il mercato del settore non è ancora saturo e quindi è possibile farsi largo con una certa facilità.

 

Come Iniziare:

Il primo passo per cominciare questa attività è costituire una società che potrà essere individuale, di capitale o una cooperativa. Per poterla aprire è fondamentale possedere alcuni requisiti.

Prima di tutto occorre la presenza di un responsabile tecnico della ditta che possieda una laurea o quanto meno una qualifica professionale pertinente e che si impegni a portare avanti questo compito per almeno tre anni.

Sarà necessario inoltre iscrivere la società e tutti i dipendenti sia all’INAIL che all’INPS. L’ultimo passo sarà aprire un conto bancario e evitare qualunque tipo di condanna o procedimento penale durante tutto il periodo.

La Sede

La sede legale della ditta dovrà soddisfare alcuni requisiti basilari come un parcheggio esterno in cui depositare tutti gli automezzi necessari per svolgere l’attività sia di disinfestazione che di pulizia e sanificazione e un ambiente interno con un ufficio che possa essere usato come segreteria e punto di coordinamento del personale.
Sarà necessario possedere inoltre un deposito in cui conservare tutti i prodotti utili per la pulizia.

I Costi

I costi iniziali per l’apertura dell’attività sono tutt’altro che irrilevanti. La cifra infatti può variare dai cinquantamila ai centomila euro per una ditta medio-piccola. Da aggiungere a questi costi vi sono anche le spese destinate a pubblicizzare l’azienda.

Vedi Anche:  Daspo sulla fedina penale

È infatti necessario usufruire sia di pubblicità virtuale, come un sito che funga da vetrina o banner pubblicitari, che utilizzare pubblicità tradizionale come inserzioni su riviste del settore e manifesti stradali.

Il fine è quello di raggiungere un pubblico quanto più ampio così da potere recuperare con i primi guadagni i costi di avvio della ditta. Si quantifica infatti che una società medio-piccola possa fatturare in un anno circa cinquantamila euro di utili.

Clienti

Per rientrare dei costi di apertura dell’attività abbiamo quindi detto che è fondamentale creare il più velocemente possibile una buona rete di clienti sia privati che pubblici.

Una possibilità è quindi affidarsi a un professionista, come un rappresentante o un promoter, che possa indicare alle varie aziende la vostra società. Un altro passo fondamentale sarà quello di partecipare ai vari bandi pubblici cercando, almeno per il primo periodo, di offrire un prezzo più vantaggioso rispetto alle ditta già esistenti.

Un’altra caratteristica che può essere molto utile è quella di specializzarsi fortemente su un settore alla volta così da offrire un servizio più professionale e aggiornato rispetto alle altre ditte.

Chiudi il menu